Mirko copertina.jpg

Da smartphone o tablet visualizzi solo le notizie principali. Se desideri avere accesso a tutte le informazioni imposta la modalità "Desktop" oppure visita il sito da PC o laptop.

Laurea-MirkoSX-Copy.jpg
Diploma ScenarSx-Copy.jpg
Diploma NaturopataSx-Copy.jpg

 Laurea triennale in

Fisioterapia 

Attestato di 

Operatore Scenar

Operatore Olistico

Naturopata

Benvenuti

  Lo Studio associato  di Fisioterapia Professionale del dott. Mirko Salvatore Laquidara nasce nel 2006, assieme ad altri due colleghi, Andrea Lo Stocco e Fabrizio Torraco.

 

Cos'è la Fisioterapia Professionale?

Normalmente si è abituati alla fisioterapia distrettuale, prescritta dal medico secondo standard un pò datati, che consideravano esclusivamente la parte danneggiata come l'unica a cui prestare soccorso. La Fisioterapia tratta la funzionalità motoria dell'individuo e di conseguenza deve avere una visione d'insieme sulla motricità della persona. Nell'arco degli ultimi 15 anni, grazie ad una continua collaborazione medico-fisioterapista, oramai il concetto di segmento funzionale è stato superato, ma non per la parte burocratica, che mantiene ancora la vecchia nomenclatura.

Quindi quali differenze troviamo?

  La prima seduta inizierà con un colloquio e con la compilazione della vostra cartellina anamnestica, presa visione dei referti medici e diagnostici ed un'accurata valutazione funzionale, psicologico-emozionale ed in alcuni casi alimentare.

Informazioni alimentari?

L'alimentazione non è di competenza diretta del Fisioterapista ed ovviamente non è mia intenzione creare schede o assegnare diete, tuttavia, nei casi di disfunzioni motorie legate a stati di infiammazione (acuta o cronica) o postumi di lesioni, fratture o interventi, alcuni consigli alimentari possono decisamente ridurre i tempi di recupero e guarigione.

Valutazione Psicologico-emozionale?

  Naturalmente non è mio intento sostituirmi allo psicologo, tuttavia è importante capire che la nostra psiche e la nostra persona fisica sono la stessa cosa. Il nostro corpo è espressione della nostra psiche e viceversa, le nostre emozioni ed il nostro carattere influenzano in maniera determinante la nostra vita e di conseguenza anche il nostro percorso riabilitativo. Come Fisioterapista devo essere in grado non solo di scegliere la tecnica, ma anche il modo di proporla al paziente, per non causare ulteriori traumi e ritardi di guarigione.   

 Ulteriori approfondimenti

 

Fisioterapia e Naturopatia?

La Naturopatia rappresenta un percorso complementare alla fisioterapia ed alle scienze mediche in generale perché permette di dare suggerimenti utili alla prevenzione, mantenimento e miglioramento del proprio stato di salute e benessere. Se non stiamo bene ragioniamo male, la nostra concentrazione diminuisce ed il nostro umore peggiora, si abbassano le nostre difese immunitarie, la nostra postura e motricità ne risente in modo significativo. 

Noi siamo un'unica entità, la nostra psiche si manifesta con il nostro corpo ed il nostro corpo manifesta la nostra psiche e le nostre emozioni. Il cibo, l'acqua, l'aria, i suoni, i colori ..... partecipano a formare e mutare il nostro essere ed è importante conoscere e capire questa unità.

La motricità è al centro della nostra esistenza, qualsiasi cosa vogliamo esprimere viene fatto attraverso il gesto motorio e questo cambia il nostro modo di dover fare fisioterapia.  

 Ulteriori informazioni

  Tutto questo lavoro preliminare ci permetterà di conoscerci e stabilire il tipo di rapporto e di lavoro che dovremo affrontare insieme.

  Ebbene si, la fisioterapia si fa insieme, Terapista e paziente, a volte coinvolgendo anche la famiglia ed altri specialisti. Io applico le mie conoscenze per cercare di aiutarvi a recuperare il gesto motorio, ma voi dovrete collaborare per ottenere il massimo dalla fisioterapia e dalle vostre performance motorie. Non si tratta solo di "ginnastica medica", ma di un percorso di auto-consapevolezza e miglioramento.

 Ora siamo in grado di  elaborare un programma di trattamento specifico e personalizzato per il vostro caso.

 Il programma serve a stabilire il piano terapeutico che si intende eseguire (anche in base alle vostre disponibilità e di collaborazione), gli eventuali obbiettivi, tempi di somministrazione e le metodiche da utilizzare, in maniera progressiva e variabile in base alla Vostra risposta verso la terapia.

 I trattamenti ed anche le singole sedute potranno essere composte da tecniche di mobilizzazione, manipolazioni, terapie fisiche, esercizi passivi o attivi, dinamici o posturali, taping; consigli ergonomici e di comportamento ed esercizi di mantenimento da eseguire in autonomia. Consigli per correggere alcune dinamiche nel proprio stile di vita per non reiterare comportamenti nocivi. 

L'obiettivo finale sarà quello di correggere i disordini neuro-muscolo-scheletrici e i sintomi associati.

 

Informazioni sulla figura del Fisioterapista

​Chi è il Fisioterapista?



Il Fisioterapista (già terapista della riabilitazione) è un professionista della Sanità in possesso della Laurea, diploma di Laurea o titolo equipollente, che lavora, sia in collaborazione con il Medico e le altre professioni sanitarie, sia autonomamente, in rapporto con la persona assistita.

 Si occupa della valutazione e trattamento delle disfunzioni presenti nelle aeree della motricità, delle funzioni corticali superiori e viscerali conseguenti ad eventi patologici, a varia eziologia, congenita o acquisita.

  

 1. In riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell’ambito delle proprie competenze, il fisioterapista:

 

          a) elabora, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del programma di

             riabilitazione volto all’individuazione ed al superamento del bisogno di salute del

             disabile;

         b) pratica autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle

             disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali,

             massoterapiche e occupazionali;

         c) propone l’adozione di protesi ed ausili, addestra all'uso e ne verifica l’efficacia;

         d) verifica le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di

             recupero funzionale.

 

 2. Il fisioterapista svolge la sua attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.

 

 3. Attraverso la formazione complementare, integra la formazione di base con indirizzi di specializzazione nel settore della psicomotricità e della terapia occupazionale:

 

         a) la specializzazione in psicomotricità consente al fisioterapista di svolgere anche

             l’assistenza riabilitativa sia psichica che fisica di soggetti in età evolutiva con

             deficit neurosensoriale o psichico;

        b) la specializzazione in terapia occupazionale consente al fisioterapista di operare

            anche nella traduzione funzionale della motricità residua, al fine dello sviluppo di

            compensi funzionali alla disabilità, con particolare riguardo all’addestramento per

            conseguire l’autonomia nella vita quotidiana, di relazione (studio-lavoro-tempo

            libero), anche ai fini dell’utilizzo di vari tipi di ausili in dotazione alla persona o

            all’ambiente.

 

 4. E' possibile integrare nei propri trattamenti anche nozioni che possono sembrare non inerenti con la figura professionale, come attività ginniche (yoga, ginnastica funzionale, pratiche sportive) o di altro genere (alimentazione, Naturoparia ...), mantenendo sempre come riferimento la prevenzione, il mantenimento o il recupero delle funzioni motorie.  

dott.  Mirko Salvatore Laquidara